Get it on Google Play

Get it on AppStore

 

Abbonamento

Il Lavoro, periodico dell'OCST, da decenni è un punto di riferimento per le informazioni sui contratti, le nuove normative, la previdenza, il mondo del lavoro, la formazione.

Informazioni giornale>>

Formulario abbonamento>>

2017

No image Il Lavoro n. 1 del 26 gennaio 2017
Il Lavoro n. 2 del 9 febbraio 2017 Il Lavoro n. 3 del 23 febbraio 2017
Il Lavoro n. 4 del 16 marzo 2017 Il Lavoro n. 5 del 30 marzo 2017
Il Lavoro n. 6 del 13 aprile 2017 Il Lavoro n. 7 del 4 maggio 2017
Il Lavoro n. 8 del 18 maggio 2017 Il Lavoro n. 9 del 1. giugno 2017
Il Lavoro n. 10 del 22 giugno 2017 Il Lavoro n. 11 del 13 luglio 2017
Il Lavoro n. 12 del 7 settembre 2017 Il Lavoro n. 13 del 21 settembre 2017
Il Lavoro n. 14 del 5 ottobre 2017 Il Lavoro n. 15 del 19 ottobre 2017

Prima pagina

Per l’OCST le trattative del CCL in questione sono state principalmente seguite dal sindacalista Giorgio Fonio. Lo abbiamo intervistato per fare il punto della situazione dopo la conferenza stampa del 5 maggio (vedi sotto).

Nel 2015 hanno avuto inizio le trattative per regolamentare questo importante settore. Inizialmente le cose sembravano volgere al meglio ma poi c’è stata una brusca frenata.

Da anni vige una totale confusione tra i frontalieri e i pensionati su come debbano essere tassate le rendite da prepensionamento (es. FAR, RESOR) e da secondo pilastro, oltre ai consueti dubbi di natura analoga sul capitale del secondo pilastro.
Nei giorni scorsi è apparsa la notizia che il Governo italiano sarebbe vicino a firmare ufficialmente il nuovo Accordo bilaterale sull’imposizione fiscale dei lavoratori frontalieri. Il tema è così riesploso all’improvviso, dopo quasi un anno di silente letargo. Cerchiamo di capirci qualcosa in più.
Giovedì 11 maggio una cinquantina di persone hanno partecipato alla serata, organizzata da OCST donna-lavoro, per approfondire la riforma Previdenza vecchiaia 2020, che verrà sottoposta al voto popolare nel mese di settembre.

Quando la quantità va a discapito della qualità, quando la quantità eccessiva di lavoro va a mettere in pericolo la salute del lavoratori.