Get it on Google Play

Get it on AppStore

 

Abbonamento

Il Lavoro, periodico dell'OCST, da decenni è un punto di riferimento per le informazioni sui contratti, le nuove normative, la previdenza, il mondo del lavoro, la formazione.

Informazioni giornale>>

Formulario abbonamento>>

2017

Il Lavoro n. 1 del 26 gennaio 2017
Il Lavoro n. 2 del 9 febbraio 2017
Il Lavoro n. 3 del 23 febbraio 2017

Prima pagina

Uno scheletro riemerge dall’armadio, e fa davvero rabbrividire: quattro anni dopo il blocco delle indennità speciali di disoccupazione per frontalieri (legge 147/97), l’INPS ha ora deciso di chiedere il rimborso ai lavoratori che percepirono il relativo sussidio tra il maggio e l’agosto del 2012! Gli importi in certi casi sono davvero cospicui (anche di parecchie migliaia di euro) e in base agli ordini dettati dall’INPS dovranno essere saldati entro i primi giorni di agosto! Ma andiamo per passi e spieghiamo meglio di cosa si tratta.

Come riferito nello scorso numero nelle pagine dedicate al Congresso del 18 giugno, Meinrado Robbiani, figura storica del nostro movimento sindacale, ha terminato il suo incarico quale Segretario cantonale dopo quasi 30 anni. Pubblichiamo questa intervista anche come tributo per il lavoro svolto.

Venerdì 24 giugno si è svolta una conferenza stampa congiunta OCST-Unia in cui sono state illustrate svariate problematiche del settore facendo pure il punto della situazione per quanto concerne le trattative per il rinnovo del CCL. Nel settore sono attualmente impiegati circa 1’500 lavoratori (1’200 circa se calcoliamo esclusivamente gli impieghi fissi).

Quando si valutano i contenuti di un CCL, esercizio sindacale più che legittimo e francamente utile, le opinioni possono pur divergere. Quando però l’analisi è grossolanamente strabica, diventa difficile tacere. Il sindacato Unia, per coerenza solo sua, ha deciso di non sottoscrivere il CCL della vendita affinato nelle recenti discussioni in Ufficio di Conciliazione. E su questo punto, nulla da ridire.

Il Programma d’azione che il nostro sindacato ha votato al Congresso dello scorso 18 giugno richiama in molti punti alla responsabilità sociale: a considerare cioè le questioni etiche, sociali, ambientali come parte integrante delle politiche di sviluppo delle imprese.