Sito della "Commissione Paritetica Cantonale" delle Pavimentazioni Stradali>>

Aumenti salariali individuali dal 1° febbraio 2014

Aumenti salariali generali
I salari orari, mensili costanti e mensili di tutte le classi salariali (apprendisti esclusi), devono essere aumentati dello 0.4%.

Aumenti individuali
Calcolato sulla massa salariale della ditta al 31 dicembre 2013 (senza tredicesima mensilità), va inoltre concesso un aumento individuale pari allo 0.4% . 

Salari di base dal 1° febbraio 2013

categoria qualifica salario orario salario mensile
C Lavoratori edili fr. 25.45 fr. 4'416.-
B Lavoratori edili con conoscenze professionali fr. 28.30 fr. 4'918.-
A Lavoratori qualificati fr. 29.95 fr. 5'238.-
Q Lavoratori diplomati fr. 31.15 fr. 5'478.-
V Capi fr. 33.10 fr. 5'822.-

Salario base per giovani lavoratori

  salario orario salario mensile
nel 1° anno dopo la fine del tirocinio fr. 27.27 fr. 4'817.-
nel 2° anno dopo la fine del tirocinio fr. 27.85 fr. 4'921.-

Salario apprendisti

  salario orario
nel 1° anno: 30% del salario base cat. Q fr. 9.35
nel 2° anno: 40% del salario base cat. Q fr. 12.45
nel 3° anno: 50% del salario base cat. Q fr. 15.55

Ponte invernale

Alle aziende viene data la possibilità d'introdurre nel calendario aziendale e per il mese di gennaio un "ponte invernale" per un massimo di 40 ore consecutive.

Orario di lavoro

  • Calendario sezionale base: con un totale di 248 giorni lavorativi e 2'064 ore di lavoro possibili. La durata settimanale del lavoro deve essere compresa tra un minimo di 37,5 ore ed un massimo di 45 ore. La durata giornaliera del lavoro deve essere compresa tra un minimo di 7,5 ore ed un massimo di 9 ore.
  • Calendario sezionale con flessibilità: con un totale di 248 giorni lavorativi e 2'139 ore possibili (2064 + 75 ore flessibili).
    La durata settimanale del lavoro deve essere compresa tra un minimo di 37,5 ore ed un massimo di 47,5 ore.
    La durata giornaliera del lavoro deve essere compresa tra un minimo di 7,5 ore ed un massimo di 9,5 ore.
  • Il coefficiente di conversione da salario orario in salario mensile costante è di 177.

Ore supplementari

In caso di dimostrata urgenza e necessità, l’orario di lavoro giornaliero può essere giornalmente aumentato di 2 ore al massimo: le ore di calendario e le ev. 2 ore supplementari, possono essere prestate nella fascia oraria dalle 06.00 alle 18.00. Le ore supplementari possono essere compensate in tempo libero durante il mese di gennaio o febbraio o marzo dell’anno successivo: ogni mese sulla busta paga deve essere riportato il saldo delle ore supplementari accumulate.

 Attenzione:

  • se l’orario settimanale supera le 50 ore e/o se durante un mese sono state prestate più di 15 ore supplementari, tutte le ore supplementari lavorate sono da retribuire in busta paga con il supplemento del 25%;
  • non sono considerate ore supplementari (quindi, non possono essere accumulate) le ore prestate di sabato, di domenica, durante i giorni festivi e le ore notturne nonché dalle ore 18.00 alle 06.00.

Supplementi salariali

  • 25% per le ore settimanali effettuate che superano le 47,5 ore
  • 50% per tutte le ore effettuate dalle 20.00 alle 06.00
  • 50% per tutte le ore effettuate dalle 06.00 alle 18.00 del sabato
  • 100% per le ore effettuate dalle 18.00 di sabato sino alle 06.00 di lunedì, così come nei giorni festivi riconosciuti (dalle ore 20.00 della vigilia alle ore 06.00 del giorno successivo)

Tredicesima mensilità

8,3% del salario lordo annuo (intero salario mensile lordo medio per lavoratori pagati a mese). Pro rata nel caso di attività inferiore ad un anno, previa occupazione minima di due mesi.

Indennità festività infrasettimanali:  

3% del salario base.

Indennità di vacanza

  • Dal compimento del 20° fino al compimento del 50° anno di età: 25 giorni lavorativi (10,6%).
  • Fino al compimento del 20° e dopo il compimento del 50° anno di età: 30 giorni lavorativi (13%).

Indennità di trasferta

Indennizzo giornaliero (tratta semplice di percorso stradale):

da 0 a 10 km fr. 0.00.-
da 10 a 25 km fr. 16.-
da 25 a 50 km fr. 22.-
oltre 50 km fr. 32.-

Salario in caso di intemperie

  • Le ore perse per pioggia, unicamente se i lavoratori non rimangono a disposizione del datore di lavoro, sono retribuite all’80%
  • Se il datore di lavoro trattiene i lavoratori sul cantiere, in magazzino o al posto di raccolta - in attesa di una decisione definitiva - le ore perse per pioggia sono pagate al 100%
  • Se i lavoratori, all’inizio dell’attività mattutina, sono chiamati ad essere presenti sul cantiere, in magazzino o al posto di raccolta, le prime due ore di calendario sono pagate al 100% (esempio: ci si presenta alle 07.00 in magazzino, piove, i lavoratori rientrano al proprio domicilio alle 07.30 = le ore dalle 07.00 alle 09.00 sono retribuite al 100%)

Ozono e canicola (modifica art. 28 CCL)

In caso di allarme ozono e/o canicola decretato dal DSS devono essere adottati i seguenti provvedimenti:

  1. anticipare i lavori pesanti al mattino;
  2. garantire al personale un ottimale approvvigionamento di acqua;
  3. anticipare l’ inizio del lavoro alle ore 6.°°;
  4. sospendere il lavoro al più tardi alle ore 13.°°, o non iniziare l’ attività lavorativa sul cantiere;
  5. l’ impresa formulerà alla CPC una proposta per il recupero delle ore tenuto conto, della disponibilità di ore flessibili, o di un prolungamento della durata giornaliera di lavoro o settimanale, nel limite di quanto previsto dall’ art. 18 CCL, o attraverso il recupero al sabato;
  6. il recupero delle ore perse per canicola di sabato non da diritto a supplementi;
  7. le richieste di recupero ore perse per “ ozono e/o canicola “ devono essere debitamente documentate ( elenco del personale interessato / cantieri per i quali si chiede il recupero / giornaliere di cantiere ).

Assicurazione malattia

80% a partire dal 1° giorno, 90% del salario normale dal 2° giorno. Premio: 50% a carico della ditta, 50% a carico del lavoratore.

Assicurazione infortuni

80% del salario a decorrere dal 1° giorno (giorni di carenza SUVA a carico del datore di lavoro). Premio infortuni non professionali a carico del lavoratore (AINP).

Assunzione / licenziamento

  • Periodo di prova di due mesi disdetta del rapporto di lavoro ogni giorno con un termine di 5 giorni lavorativi.
  • Durante il 1° anno 1 mese per la fine di un mese.
  • Dal 2° al 9° anno compreso 2 mesi per la fine di un mese.
  • Dal 10° anno in poi 3 mesi per la fine di un mese.

Nuovi termini di disdetta per lavoratori a partire da 55 anni

  • Nel primo anno di servizio: 1 mese
  • dal secondo al non anno di servizio: 4 mesi
  • dal decimo anno di servizio: 6 mesi

Pensionamento anticipato (PEAN)

Per beneficiare del pensionamento anticipato, il lavoratore deve aver lavorato negli ultimi 20 anni almeno 15 anni - di cui gli ultimi 7 ininterrottamente prima di riscuotere le prestazioni - in una impresa rientrante nel campo di applicazione del CCL PEAN. Il contributo a carico dei lavoratori dal 1° gennaio 2008 è dell 1,3% (imprese 4% del salario lordo). La domanda deve essere presentata 6 mesi prima del compimento del 60° anno di età.

Rendita PEAN

Dal 1° gennaio 2008 tra il 60 ed il 61° anno di età la rendita transitoria ammonta al 32,5% del salario determinante oltre ad un importo di fr. 3'000.-.
Dal 61° al 65° anno di età la rendita transitoria è pari al 65% del reddito determinante oltre a Fr. 6'000.-.

Protezione contro il licenziamento

  • in linea di principio, è esclusa la disdetta durante le assenze per malattia e infortunio;
  • se la disdetta viene data prima di una assenza causa malattia, il licenziamento è sospeso per 30 giorni durante il primo anno di servizio, per 90 giorni dal secondo al quinto anno di servizio, per 180 giorni a partire dal sesto anno di servizio.

Indennità per assenze inevitabili

  I lavoratori hanno diritto a una indennità per le assenze inevitabili sotto elencate, a condizione che il rapporto di lavoro sia durato più di tre mesi o sia convenuto per più di tre mesi:

  • per la visita di reclutamento: 1 giornata
  • per l’ispezione delle armi: ½ giornata
  • per la riconsegna dell’equipaggiamento militare: 1 giornata
  • per matrimonio del lavoratore e nascita di un figlio: 1 giornata
  • per decesso nella famiglia del lavoratore (moglie o figli se conviventi): 3 giornate
  • per decesso di genitori, fratelli o suoceri: 3 giornate
  • per trasloco, se il rapporto di lavoro non è disdetto: 1 giornata