L’industria Mem (meccanica, elettrotecnica, metallurgia) ha un nuovo contratto. Il 1° dicembre la Conferenza dell’industria del Syna, riunita a Berna e di cui fa parte anche l’OCST, ha ratificato il Ccl, che entrerà in vigore il 1° gennaio.

Le trattative che hanno portato a questo risultato non sono state semplici: era da agosto che le parti discutevano per offrire ai lavoratori del settore un buon contratto.

Alcune modifiche hanno portato a miglioramenti importanti.

Tra queste, un maggior sostegno al lavoro femminile, promuovendo il perfezionamento professionale;

più spazio alla formazione (le imprese devono mettere a disposizione ogni anno a un lavoratore a tempo pieno almeno tre giorni per la formazione continua);

maggiore protezione e più diritti per le commissioni aziendali del personale (cinque giorni a ogni membro);

integrazione dei lavoratori stranieri; più trasparenza sui salari.