Contributi dei salariati e dei datori di lavoro

I tassi di contribuzione sono i seguenti:

per l'AVS  8,400 %
per l'AI     1,400 %
per l'IPG   0,450 %
TOTALE   10,250 %

Il datore di lavoro trattiene dal salario del dipendente la metà del contributo pari al 5,125%.

Inizio e fine dell'obbligo contributivo

Per le persone che esercitano un'attività lucrativa, l'obbligo contributivo inizia dal 1° gennaio successivo al compimento del 17° anno di età e si estingue con la cessazione di tale attività, al più presto però dopo il compimento dei 64 anni per le donne e dei 65 per gli uomini.

N.B. I beneficiari di una rendita AVS (uomini 65 anni e donne 64 anni) per ogni attività esercitata, continuano a versare i contributi all'AVS - AI - IPG sulla parte del reddito dell'attività lucrativa eccedente fr. 1’400.- il mese o fr. 16’800.- l'anno (franchigia) sono tuttavia esonerati dall'obbligo contributivo dell'Assicurazione Disoccupazione.

Retribuzioni soggette a deduzione

  • a) il salario orario o mensile compresa qualsiasi indennità complementare (vacanze, festivi, ecc…);
  •  
  • b) le gratifiche o la 13.a mensilità, regali di anzianità di servizio, premi di fedeltà e formazione;
  •  
  • c) le indennità per perdita di guadagno in caso di scuola reclute, corso di ripetizione, protezione civile, indennità di maternità;
  •  
  • d) le indennità giornaliere dell'AI;
  •  
  • e) le indennità AD per intemperie e per lavoro ridotto (contributo sul 100% del salario).

Retribuzioni non soggette a deduzione

  • a) gli assegni familiari;
  •  
  • b) le prestazioni giornaliere d'assicurazione per perdita di salario, corrisposte da un ente assicuratore in caso di malattia o infortunio (max 80%); l'indennità per licenziamento abusivo;
  •  
  • c) l'indennità di partenza se l'ammontare non supera il salario annuo.