Permessi stranieri OCSTGli stranieri che intendono lavorare in Svizzera sono sottoposti alle stesse disposizioni del C.O. ma necessitano di un permesso di lavoro...

L'Accordo sulla Libera circolazione delle Persone introduce nuove ed importanti disposizioni nel diritto ad entrare, soggiornare e svolgere attività lavorativa in Svizzera.

Vi sono dei permessi di:

  • dimora (carta di soggiorno valida 5 anni, se il contratto di lavoro prevede una durata uguale o superiore a 1 anno o/e a tempo indeterminato)
  • dimora temporanea (carta di soggiorno valida in misura corrispondente alla durata del contratto di lavoro, se questa è superiore a 3 mesi e inferiore ad un anno)
  • frontaliere (carta speciale valida 5 anni se il contratto ha durata superiore all'anno o/e a tempo indeterminato; oppure valido quanto dura il contratto se superiore a 3 mesi)

I suddetti permessi danno diritto alla mobilità professionale e geografica (quest'ultima, per i frontalieri sarà possibile oltre i 20 km delle zone di frontiera soltanto dopo il periodo transitorio di 5 anni): si potrà cambiare liberamente datore di lavoro, posto di lavoro, professione e luogo di lavoro.

Dal 31 maggio 2004

per il rilascio di un nuovo permesso di soggiorno o di frontaliere non varrà più il principio della priorità dei lavoratori indigeni e del controllo delle condizioni salariali e lavorative in uso nella regione e nella professione richiesta.

Sino al 31 maggio 2007

I permessi di soggiorno sono contingentati:

  • 15.000 [450 per il Ticino] all'anno per i permessi di lunga durata (ex B)
  • 115.500 [4470 per il Ticino] quelli di corta durata (ex A e L).
  • Il permesso di frontaliere verrà rilasciato solo a chi risiede in un paese della zona di frontiera italiana da almeno un giorno.