Vuoi verificare se vieni pagato almeno il minimo?

Dal 1 ° gennaio 2021, i neo papà in Svizzera hanno finalmente diritto a due settimane (10 giorni) di congedo di paternità. Le numerose segnalazioni giunte a Travail.Suisse dimostrano purtroppo che non sono pochi i datori di lavoro che vogliono negare questo diritto ai propri dipendenti. Travail.Suisse e le organizzazioni sindacali aderenti si impegnano a garantire che tutti i padri, senza eccezioni, possano avvalersi del loro nuovo diritto.

Le due settimane di congedo paternità legale si sommano a quanto previsto nei contratti collettivi di lavoro?
Anche prima dell'introduzione del congedo di paternità, diversi contratti collettivi contenevano disposizioni in merito. Un nuovo parere legale del professor Thomas Geiser dell’Università di San Gallo chiarisce ora la relazione tra il congedo di paternità legale e il diritto a dei giorni di congedo previsti dai CCL. Secondo il parere redatto dal Professor Geiser, il congedo paternità legale deve essere aggiunto a quello già presente nei contratti collettivi. Sulla base di questo parere, le organizzazioni sindacali s’impegneranno a rivendicare questo diritto nelle prossime trattative per i rinnovi dei CCL.

Migliorare l'applicazione della legge per i dipendenti assunti con contratti di diritto pubblico
Il regime legale del congedo di paternità si applica solo ai lavoratori assunti con un contratto di diritto privato. Le organizzazioni sindacali di Travail.Suisse chiedono che il congedo di paternità previsto dal CO si applichi anche ai dipendenti del settore pubblico. Sebbene il Canton Ticino sia stato precursore introducendo un congedo di paternità di 10 giorni, con l’Iniziativa parlamentare Fonio – Dadò depositata il primo gennaio 2021, si chiede che il congedo di paternità possa essere goduto nei primi sei mesi dalla nascita del figlio come previsto dagli articoli del CO.


In conclusione il sindacato OCST invita i lavoratori a esigere l’applicazione del diritto al congedo paternità segnalando al sindacato eventuali pressioni da parte dei datori di lavoro affinché ci sia possibile intervenire per far valere questo diritto.