Abbonamento

Il Lavoro, periodico dell'OCST, da decenni è un punto di riferimento per le informazioni sui contratti, le nuove normative, la previdenza, il mondo del lavoro, la formazione.

Informazioni abbonamento "Il lavoro">>

Formulario abbonamento>>

Get it on Google Play

Get it on AppStore

 

2020

Il Lavoro n.1 del 6 febbraio 2020 Il Lavoro n.2 del 27 febbraio 2020
Il Lavoro n.3 del 12 marzo 2020 Il Lavoro n.4 del 28 maggio 2020
Il Lavoro n.5 del 18 giugno 2020 Il Lavoro n.6 del 9 luglio 2020

Martedi 19 maggio, il Teatro del Gatto di Ascona ha accolto, anche con un poco di sole, il centinaio di delegati delle cinque sezioni per l’assemblea generale ordinaria 2015.
Hanno porto il saluto il vicesindaco di Ascona, Maurizio Checchi ed il segretario regionale Ocst Marco Pellegrini; sono poi iniziati i lavori (con la decina di trattande all’ordine del giorno) presieduti con eleganza da Luigi Malinverno, presidente della sezione organizzatrice.

Il segretario Marco Treichler ha illustrato l’attività 2014, con particolare riferimento al Centro diurno.Il presidente Falconi, nella sua relazione che riportiamo per esteso, ha  evidenziato i punti salienti dell’attività 2014: dall’apertura del centro diurno alle iniziative sezionali, dai viaggi e soggiorni, al «dono» del pulmino per il centro.
Al momento delle nomine statutarie, l’assemblea, con un caloroso applauso, ha rinnovato l’elezione di Giacomo Falconi a presidente cantonale di GenerazionePiù anche per il prossimo quadriennio.
Da sottolineare, per l’attività 2015, i festeggiamenti per il 35.mo di fondazione della nostra associazione (ed il relativo vademecum speciale) previsti domenica pomeriggio 20 settembre, festa federale di ringraziamento.
Dopo i lavori assembleari, una breve passeggiata ci ha portati sul lungolago di Ascona e poi al ristorante degli Angeli per il gustoso pranzo.
Nel pomeriggio si è passeggiato per scoprire i vicoli del paese originario di Giovanni Serodine,1600/1631 poi trasferitosi a Roma (nella parrocchiale di Ascona troviamo l’ultimo dipinto di Serodine L’incoronazione della Vergine).
Ottima l’organizzazione della sezione di Locarno ed i lavori preparatori del segretario cantonale Marco Treichler.
Arrivederci nel 2016 nelle Tre Valli…

Maria Luisa Delcò



Relazione del presidente cantonale Giacomo Falconi                                                    


Cinque anni fa nasceva G+. Era il 10 giugno 2010, l’Assemblea ebbe luogo a Locarno, al Palazzo della Sopracenerina.

Desidero ricordare questa ricorrenza, perché è una pietra miliare sul nostro cammino, perché il cambiamento del nome è un fatto significativo nella storia di una Associazione, perché il luogo dove questo fatto avviene assume notorietà. La sezione del Locarnese è diventata così la depositaria degli statuti, la custode dei nostri principi.
«Era scritto nel tempo» dissi allora, perché la nascita di G+ avveniva nella casa della Madonna del Sasso. A cinque anni di distanza si ripete quel felice incontro e noi rinnoviamo la stessa invocazione di protezione pronunciata allora: «E noi veniamo a te, pellegrini nel tempo e nella storia, per affidarti il nostro cammino».
Stimatissimi presenti. Esprimo a tutti voi, anche a nome della Direttiva cantonale, il più cordiale benvenuto e rivolgo un grazie particolare agli ospiti che ci onorano della loro presenza. Rivolgiamo un saluto a coloro che, per motivi diversi, hanno dovuto rinunciare ad essere presenti. Siamo riconoscenti verso il Comitato della sezione del Locarnese per l’organizzazione dell’odierna giornata.

Centro socio assistenziale - È stato inaugurato ufficialmente il 12 aprile 2014. Ora, dopo un anno di funzionamento, possiamo dire che si tratta di un’ottima e indovinata realizzazione.
 Il Centro è una valida realtà. Funziona bene. Le numerose e svariate attività giornaliere le leggiamo regolarmente su Il Lavoro. La partecipazione è soddisfacente e naturalmente ci aspettiamo che abbia ad aumentare.
Dal lato finanziario le incertezze iniziali sono state fugate. Come vedremo, il risultato dei Consuntivi 2014 è positivo e ciò è di buon auspicio per il futuro.
E per quanto riguarda il futuro sono fiducioso, perché abbiamo una fonte di conoscenze e di capacità quale garanzia. Si tratta dell’attività che svolge il nostro segretario cantonale Marco Treichler coadiuvato dall’assistente e dai volontari. Possiamo dire che il Centro è in buone mani.

Una notizia gratificante è stata quella della donazione del pulmino a 9 posti attrezzato anche per disabili. È stata un’esigenza recepita subito dal responsabile e ritenuta necessaria per completare la gamma delle prestazioni. Le relazioni del nostro segretario hanno giocato un ruolo determinante. Grazie alle  sue conoscenze e per il tramite della signora Margherita Maffeis, fondatrice e presidente dell’Associazione Culture Ticino Net Work, è riuscito ad ottenere il finanziamento totale del pulmino da parte della Fondazione evangelica Mathilde e Anny Witzig di Lugano, oltre ad altre sovvenzioni da parte della Fidinam.
Alla giustificata soddisfazione del segretario, accomuniamo la nostra piena gioia per questo risultato. Alla signora Maffeis, alla Fondazione Witzig e alla Fidinam esprimiamo la nostra doverosa gratitudine.

Finanze - Come accennato in precedenza, il risultato è positivo. Il Conto Economico 2014 chiude con un’eccedenza attiva di Fr. 11.520,70. È il primo esercizio che riporta le cifre riguardanti l’attività del Centro durante il periodo di un anno intero. Sono perciò cifre attendibili che ci rassicurano, consapevoli comunque del fatto che occorrerà sempre agire con parsimonia. I dettagli alla trattanda Consuntivi 2014.

Vademecum - L’edizione 2014 ha approfondito i temi dei due anni precedenti «le generazioni» e «fasi di vita», per riflettere su quale «eredità» lascia l’anziano. Il risultato è stato «la cultura del dono».
Iniziato nell’anno 2000 come contenuto di consigli pratici, il Vademecum ha in seguito trattato temi di particolare interesse per gli anziani, per poi sviluppare, negli ultimi anni, contenuti che riguardano tutte le fasce di età. Il Vademecum è il fiore all’occhiello di G+, ma la sua evoluzione, purtroppo, non è visibile. Per questo motivo la Direttiva intende far rivivere la Collana dei Vademecum con l’edizione 2015, approfittando della ricorrenza del 35.mo dell’Associazione.
Ringrazio la Vice-presidente Maria Luisa Delcò per la dedizione che riserva al Vademecum. Ella ci darà ulteriori informazioni alla trattanda 35.mo dell’Associazione.

Rappresentanti nei vari consessi - I nominativi dei nostri rappresentanti nei vari consessi non è mutato. I consessi sono:
Consiglio degli anziani del Cantone Ticino; Consiglio svizzero degli anziani; FARES Federazione associazioni dei pensionati (25 anni); Federazione svizzera dei pensionati.
Un argomento sostenuto con insistenza  dai nostri rappresentanti presso la FARES è stato quello del «Plurilinguismo» o meglio l’insegnamento delle lingue a scuola, osteggiato in alcuni Cantoni svizzero tedeschi. Con lettera 23 ottobre 2014, inviata alla FARES, la Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione ringrazia del sostegno e conferma il suo impegno affinché una lingua nazionale sia insegnata nella scuola elementare.
Ciò comprova l’importanza della presenza dei nostri delegati. Conferma che i loro interventi non cadono nel vuoto, quando il tema rientra nei nostri valori costituzionali e la proposta riguarda l’interesse generale della comunità o, come in questo caso, una minoranza linguistica. Li ringrazio a nome di GenerazionePiù per l’impegno e per  il tempo che mettono a disposizione.
I delegati del Consiglio Svizzero degli Anziani hanno tenuto la loro Assemblea annuale nei giorni 15 e 16 maggio 2014 a Lugano. L’organizzazione, curata dal nostro delegato Lindo Deambrosi, è risultata efficace. È stata una occasione propizia per richiamare l’importanza del plurilinguismo.

Sezioni - Il sistema di presentare i programmi semestrali, redatti con l’aiuto del segretariato cantonale, è ormai collaudato. Funzionante è pure il metodo di pianificare gite e soggiorni.
Siamo grati a Presidenti, membri di Comitato e volontari per l’impegno profuso nel rendere interessante e piacevole ogni manifestazione. Raccomando alle sezioni di non tralasciare qualsiasi occasione per includere nuove forze nei loro Comitati.
Abbiamo avuto due avvicendamenti alla presidenza delle sezioni. Luigi Zanolli ci ha lasciato in seguito a decesso. Lo ricordiamo quale persona di profonda cultura e di apertura all’altro. Esprimiamo ancora gratitudine per il suo impegno a favore della sezione del Bellinzonese.
Flavio Ercolani, per motivi di salute, ha rinunciato alla responsabilità di conduzione della sezione del Luganese. Lo ringraziamo per il suo impegno decennale quale Presidente. A titolo transitorio, Franco Sartori a Bellinzona e Erminio Brignoni a Lugano, assumono la presidenza delle rispettive sezioni. Grazie per la loro disponibilità.

Termino con un caloroso «Grazie a tutti». A chi presiede, a chi scrive, a chi organizza e specialmente a chi partecipa. Con una esortazione. Fate propaganda. Invitate a prendere parte ai nostri incontri parenti, amici, conoscenti. Dobbiamo allargare il numero degli aderenti. Perché, come disse Don Ministrini, socio di G+, al pranzo povero della sezione Mendrisiotto il 26 marzo scorso: «Lo stare insieme è la medicina dell’anziano». Auguro un buon lavoro e una lieta giornata.