Get it on Google Play

Get it on AppStore

 

Abbonamento

Il Lavoro, periodico dell'OCST, da decenni è un punto di riferimento per le informazioni sui contratti, le nuove normative, la previdenza, il mondo del lavoro, la formazione.

Informazioni giornale>>

Formulario abbonamento>>

2018

Il Lavoro n.1 del 25 gennaio 2018 Il Lavoro n.2 dell'8 febbraio 2018
Il Lavoro n.3 del 1. marzo 2018 Il Lavoro n.4 del 15 marzo 2018
Il Lavoro n.5 del 29 marzo 2018 Il Lavoro n.6 del 19 aprile 2018
Il Lavoro n.7 del 3 maggio 2018 Il Lavoro n.8 del 24 maggio 2018
Il Lavoro n.9 del 7 giugno 2018 Il Lavoro n.10 del 21 giugno 2018
Il Lavoro n.11 del 5 luglio 2018 Il Lavoro n.12 del 19 luglio 2018
Il Lavoro n.13 del 6 settembre 2018 Il Lavoro n.14 del 20 settembre 2018
Il Lavoro n.15 del 4 ottobre 2018 Il Lavoro n.16 del 18 ottobre 2018
Il Lavoro n.17 dell'8 novembre 2018 Il Lavoro n.18 del 22 novembre 2018
Il Lavoro n.19 del 6 dicembre 2018

Prima pagina

Ho girato un po’ per Lugano a vedere i mercatini. Tante luci, tanti colori, tanti prodotti di ogni genere. Gente serena, sorridente che fa acquisti. Giovani che bevono, chiacchierano e si salutano. Turisti provenienti da ogni dove che scattano foto.
L’anno volge al termine e l’occasione è propizia per fare il punto della situazione su alcuni temi di stretta attualità che riguardano il mondo dei lavoratori frontalieri.
Giunto a scadenza il trentennale mandato di gestione dell’Area di servizio autostradale di Stalvedro (Dal 1987), dopo concorso, la futura gestione è stata affidata alla ECSA Energy SA. Il tutto a partire dalla prossima primavera.

Il mondo della regolamentazione del mercato del lavoro è sempre più complesso. Spesso sentiamo parlare di straordinari, orari di lavoro, pause, riposo, ecc. perché il lavoro bene o male fa parte della vita di tanti. Per chiarirci un po’ le idee abbiamo chiesto aiuto al Capo ufficio dell'Ispettorato del lavoro (UIL), Gianluca Chioni.

Il 2018 è stato ricco di incontri tra sindacati, associazioni del personale, comando e Consiglio di Stato. Il fatto di poter dialogare direttamente con quest’ultimo ha permesso di ottimizzare le esigenze di entrambe le parti. Vi è stato un reciproco scambio di informazioni e il tavolo è sempre stato ricco di spunti, ma anche le sorprese non sono di certo mancate.