Get it on Google Play

Get it on AppStore

 

Abbonamento

Il Lavoro, periodico dell'OCST, da decenni è un punto di riferimento per le informazioni sui contratti, le nuove normative, la previdenza, il mondo del lavoro, la formazione.

Informazioni giornale>>

Formulario abbonamento>>

2017

Il Lavoro n. 1 del 26 gennaio 2017 Il Lavoro n. 2 del 9 febbraio 2017
Il Lavoro n. 3 del 23 febbraio 2017 Il Lavoro n. 4 del 16 marzo 2017
Il Lavoro n. 5 del 30 marzo 2017

Prima pagina

La serpentinite, una roccia dall’aspetto molto simile al marmo, non è più commercializzata in Svizzera perché può contenere fibre di amianto. Chi interviene su parti di edifici o manufatti che la contengono deve adottare particolari misure di protezione. Chi lavora nel settore lapideo sa che l’amianto è un minerale naturale e che può essere contenuto in determinate rocce. Non tutti sanno però che anche la roccia serpentino può essere amiantifera. Questa roccia, dal colore verde intenso o rossastro, è molto apprezzata nel settore edile e nell’artigianato artistico come prodotto ornamentale. Infatti veniva impiegata per rivestire le facciate degli edifici, per realizzare piastrelle per pavimenti, lapidi o sculture. Oggi in Svizzera non è più consentito mettere in commercio manufatti realizzati a partire da serpentinite amiantifera.

In questi giorni Depuy Synthes (Gruppo J&J) ha comunicato ad oltre 20 dipendenti dell’agenzia Randstad impiegati presso lo stabilimento di Mezzovico, l’assunzione come dipendenti fissi. Decisione che segue la stabilizzazione di altri collaboratori avvenuta a gennaio e alcuni miglioramenti contrattuali in favore dei lavoratori interinali. OCST accoglie molto positivamente queste notizie, rallegrandosi con i collaboratori coinvolti e congratulandosi con la direzione per la decisione quanto mai opportuna.
Dopo diversi mesi di trattative, i sindacati e i datori di lavoro hanno raggiunto un accordo per il rinnovo del Contratto collettivo di lavoro (CCL) per il mestiere di parrucchiere. L’accordo prevede degli aumenti salariali che valorizzano l’esperienza professionale, una maggiore protezione contro il dumping salariale e l’introduzione di misure contro la pseudo-indipendenza.
Raffaele De Rosa, classe 1973 e un dottorato in economia nel curriculum, è direttore dell’Ente regionale per lo sviluppo Bellinzonese e valli (ERS-BV). L’ERS-BV è stato costituito il 25 novembre del 2010. È un’associazione di diritto privato, con sede a Biasca, composta dai Comuni dei distretti di Bellinzona, Blenio, Leventina e Riviera, nonché dai Patriziati del comprensorio. Attualmente la zona è spesso citata per chiusure di aziende, dunque in modo negativo. Abbiamo posto qualche domanda a Raffaele.
Con la revisione dell’assicurazione contro la disoccupazione del 2011, sono state drasticamente ridotte le prestazioni. I giovani in cerca d’impiego sono stati particolarmente toccati, ciò ha portato un forte incremento del numero di chi esaurisce il diritto alla disoccupazione. Inoltre, l’accento posto sulle sanzioni, provoca un aumento dei rapporti di lavoro instabili. Travail.Suisse chiede dunque un’analisi più precisa degli effetti della riforma della LADI.