Edilizia

1118-ediliziaNessun lavoratore e nessun impresario costruttore, in particolare se operano in Cantoni a contatto con le frontiere (ovvero il Ticino, ma anche Ginevra), può permettersi di rimanere senza un contratto collettivo di lavoro (CNM) dichiarato di forza obbligatoria. In un settore economicamente trainante, potere lavorare tutti sui cantieri con le stesse regole del gioco non è solo importante ma è addirittura imprescindibile.

La situazione complessa che ha visto le parti contraenti nazionali incapaci di trovare una soluzione salariale concordata per l’anno 2011, ha imposto agli impresari e ai sindacalisti ticinesi di trovare un accordo che non può essere sicuramente considerato gratificante per i lavoratori.