Get it on Google Play

Get it on AppStore

 

Abbonamento

Il Lavoro, periodico dell'OCST, da decenni è un punto di riferimento per le informazioni sui contratti, le nuove normative, la previdenza, il mondo del lavoro, la formazione.

Informazioni giornale>>

Formulario abbonamento>>

2017

No image Il Lavoro n. 1 del 26 gennaio 2017
Il Lavoro n. 2 del 9 febbraio 2017 Il Lavoro n. 3 del 23 febbraio 2017
Il Lavoro n. 4 del 16 marzo 2017 Il Lavoro n. 5 del 30 marzo 2017
Il Lavoro n. 6 del 13 aprile 2017 Il Lavoro n. 7 del 4 maggio 2017
Il Lavoro n. 8 del 18 maggio 2017 Il Lavoro n. 9 del 1. giugno 2017
Il Lavoro n. 10 del 22 giugno 2017 Il Lavoro n. 11 del 13 luglio 2017

Prima pagina

In parlamento sono stati presentati alcuni emendamenti da Lorenzo Jelmini per migliorare la Revisione totale della Legge sugli stipendi degli impiegati dello Stato e dei docenti LSTI. Si tratta in particolare:
Semplifichiamo. La rivoluzione industriale in Europa avviene all’inizio senza leggi o regole da rispettare, e  i lavoratori per molto tempo – pur costruendo il benessere della moderna società capitalista - vivono e lavorano in situazioni difficili, spesso di sfruttamento. Poi grazie alle lotte del movimento sindacale le condizioni del mondo del lavoro migliorano, e il boom economico del dopoguerra favorisce un miglioramento del livello di vita generale. 
Prepensionamenti e secondo pilastro al 5% - Probabile la nuova «fascia di frontiera».
Il Senato ha approvato venerdì 25 novembre il decreto legge 193/2016 relativo alle «misure urgenti in materia fiscale». 
La notizia porta con sé importanti novità per i lavoratori e i pensionati frontalieri. Tra le varie tematiche affrontate dal provvedimento, vi è infatti anche la riapertura di una nuova finestra di voluntary disclosure, ovvero la pratica di collaborazione volontaria per l’emersione delle attività finanziarie e dei redditi non dichiarati in passato. 
Sono fallite le trattative per il rinnovo del contratto collettivo di lavoro (CCL) tra Syna e Valora. Al posto di continuare le trattative, Valora vorrebbe infatti concludere un CCL con un’associazione poco rappresentativa per il personale. 
Il «Barometro condizioni di lavoro» viene pubblicato in quanto progetto di collaborazione tra la Scuola universitaria professionale di Berna e Travail.Suisse. I risultati rappresentativi illustrano le condizioni di lavoro in Svizzera e i loro sviluppi. L’edizione 2016 mostra una crescente insoddisfazione rispetto ai salari e agli orari di lavoro.