Abbonamento

Il Lavoro, periodico dell'OCST, da decenni è un punto di riferimento per le informazioni sui contratti, le nuove normative, la previdenza, il mondo del lavoro, la formazione.

Informazioni abbonamento "Il lavoro">>

Formulario abbonamento>>

Get it on Google Play

Get it on AppStore

 

2019

Il Lavoro n.11 dell'11 luglio 2019 Il Lavoro n.10 del 27 giugno 2019
Il Lavoro n.9 del 6 giugno 2019 Il Lavoro n.8 del 23 maggio 2019
Il Lavoro n.7 del 9 maggio 2019 Il Lavoro n.6 del 18 aprile 2019
Il Lavoro n.5 del 28 marzo 2019 Il Lavoro n.4 del 14 marzo 2019
Il Lavoro n.3 del 21 febbraio 2019 Il Lavoro n.2 del 7 febbraio 2019
Il Lavoro n.1 del 24 gennaio 2019

Prima pagina

Il nuovo Accordo fiscale tra Italia e Svizzera sulla tassazione dei lavoratori frontalieri sembra essere sempre più lontano dalla sua realizzazione. Il testo, che fu parafato nel 2015, non è mai stato firmato fino ad oggi e pare che non lo sarà ancora per molto tempo, se non per sempre.
L’OCST accoglie con soddisfazione la decisione del Gran Consiglio di sostenere l’iniziativa cantonale, presentata lo scorso marzo da Giorgio Fonio e Fiorenzo Dadò, indirizzata alle Camere federali che chiede di modificare la Legge sui Lavoratori distaccati per imporre alle aziende di informare i dipendenti sugli abusi riscontrati dall’Ufficio dell’ispettorato del lavoro.
Quale Sindacato dei docenti siamo spesso venuti a conoscenza di docenti delle scuole comunali (scuole dell’infanzia e elementari) incaricati da molti anni, in un caso addirittura da 17, senza essere nominati per mancanza di volontà e scuse dei relativi municipali come per esempio «chi è solo incaricato lavora meglio rispetto chi ha la nomina» oppure «noi non diamo le nomine per principio».
Il prossimo 25 novembre si voterà sull’iniziativa popolare «Il diritto svizzero anziché giudici stranieri». Si tratta di una nuova iniziativa voluta per far prevalere un falso messaggio di autodeterminazione della Svizzera nei confronti della comunità internazionale.
Anche il Fondo di previdenza dell’Ente ospedaliero cantonale (FEOC) si trova nella necessità di intervenire nell’ambito delle prestazioni e dei contributi per garantire la stabilità del fondo stesso sul lungo termine. Purtroppo in questi ultimi tempi numerosi fondi di previdenza hanno annunciato misure di risanamento.